Tesi di Laurea


  • Titolo: “La comunicazione nella coppia: un’indagine sulla relazione tra pattern comunicativi e adattamento di coppia” [tesi sperimentale].

    da “psiche e famiglia”

  • Materia della tesi: “Psicodinamica della famiglia con elementi psicoterapia e laboratorio di ricerca e intervento sulla famiglia

Sintesi dell’elaborato:

L’oggetto di studio di questo elaborato è la comunicazione in relazione alla qualità della relazione di coppia. Essa si inserisce all’interno di un progetto di ricerca più ampio condotto dalla Cattedra di Psicodinamica dello Sviluppo e delle Relazioni Familiari della Prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti, con la collaborazione della Prof.ssa Silvia Mazzoni.

L’obiettivo di questa ricerca è studiare su un campione di coppie italiane la validità del Communication Patterns Questionnaire (Questionario sui Modelli di Comunicazione, CPQ; Christensen, Sullaway, 1984), al fine di poter rendere utilizzabile anche in Italia uno strumento che permetta di valutare la percezione che ciascun membro ha della comunicazione e dell’interazione nella coppia.

Questo questionario self-report nasce dallo studio di un gruppo di ricercatori americani. Andrew Christensen ed il suo gruppo si sono interessanti alle caratteristiche di una particolare modalità comunicativa, il “pattern demand/withdraw”, in cui uno dei partner (nel ruolo di demanding) fa continue pressioni sull’altro e richieste emozionali con lamentele e critiche, mentre l’altro (nel ruolo di withdrawing) si difende ritirandosi, mettendo in atto un comportamento difensivo e tendenzialmente passivo (Caravelli, 2007).

Il pattern può presentarsi secondo due possibili combinazioni di ruoli di genere: “donna demand/uomo withdraw” o “uomo demand/donna withdraw”. Entrambe le modalità diventano particolarmente disfunzionali quando si mantengono secondo una modalità rigida e stereotipata. Questa complementarietà di ruoli è difficile da modificare perché è caratterizzata da una perdita di possibilità di uno scambio dinamico di ruoli tra i partner.

In particolare la letteratura angloamericana ci mostra come il pattern donna demand/uomo withdraw sia associato con la diminuzione della soddisfazione di coppia (Christensen, Heavey, 1990; Christensen, Shenk, 1991). Questo pattern rappresenta una modalità comunicativa distruttiva in opposizione ad una comunicazione costruttiva che permette alla coppia di vivere i passaggi nelle diverse fasi del ciclo vitale in maniera funzionale attraverso interazioni guidate dalla negoziazione e dal confronto reciproco.

Gli eventi critici nella vita della coppia e della famiglia possono portare ad un ricorso temporaneo al pattern demand/withdraw, oppure possono esasperare le caratteristiche del pattern se già presente, rendendo difficile la vita coniugale, diminuendo il livello di soddisfazione ed aumentando il rischio di separazione e divorzio.

Le teorie a cui si fa riferimento sono ravvisabili in particolare negli insegnamenti della “Teoria dei Sistemi”, della “Teoria del Ciclo Vitale” e della “Pragmatica della Comunicazione”.

Nel primo capitolo vengono presi in considerazione alcuni dei concetti chiave della teoria sistemico-relazionale ed in particolare si descrive l’importanza del concetto di ciclo vitale che permette di inserire la coppia e la famiglia all’interno di una prospettiva evolutiva dove non mancano fasi di transizione e determinati compiti evolutivi. Uguale importanza viene data alle diverse fasi del processo di formazione della coppia e nell’ultimo paragrafo vengono esaminati gli elementi fondamentali della comunicazione umana.

Le conoscenze e la descrizione del pattern demand/withdraw verranno esposte nel secondo capitolo per mezzo di una analisi della letteratura internazionale, mettendo anche in evidenza il costrutto dell’adattamento di coppia ed il suo legame con questa modalità comunicativa. Nel terzo capitolo viene presentata una ricerca sulla comunicazione nella coppia condotta su piccola scala.

Lo studio si avvale dell’uso di una batteria di questionari: il CPQ (Communication Patterns Questionnaire; Christensen, Sullaway, 1984), per valutare la percezione che ciascun membro ha della comunicazione di coppia e la DAS (Dyadic Adjustment Scale; Spanier, 1976), per valutare il grado di adattamento di coppia e la qualità della relazione.

L’obiettivo della ricerca è proprio di valutare la presenza del pattern demand/withdraw in un campione di coppie italiane e verificarne l’associazione con l’adattamento di coppia. Quella che viene presentata è un’indagine su un piccolo campione (66 coppie) e proprio per questo soggetta a dei limiti. I risultati ottenuti quindi potranno considerarsi più attendibili se confermati dalla ricerca più ampia di cui quest’indagine fa parte.

(dott. Giuseppe Del Signore)

bibliografia

  • Andolfi M., Angelo C. (2002). Tre generazioni in terapia. In Malagoli Togliatti M., Telfner U. (a cura di), Dall’individuo al sistema. Manuale di psicopatologia relazionale (pp. 328-338). Bollati Boringhieri. Torino.
  • Angelo C. (1999). La scelta del partner. In Andolfi M. (a cura di), La crisi della coppia. Una prospettiva sistemico-relazionale (pp. 23-41). Raffaello Cortina Editore. Milano.
  • Caravelli L. (2007). Il Communication Patterns Questionnaire, CPQ. In Mazzoni S., Tafà M. (a cura di), L’intersoggettività nella famiglia. Procedure multimetodo per l’osservazione e la valutazione delle relazioni familiari (pp. 205-222). Franco Angeli, Milano.
  • Christensen A., Eldridge K., Bokel Catta-Preta A., Lim V.R., Santagata R. (2006). Cross-Cultural Consistency of the Demand/Withdraw Interactional Patterns in Couples. Journal of Marriage and the Family, 68, pp. 1029-1044.
  • Christensen A., Heavey C.L. (1990). Gender and Social Structure in the Demand/Withdraw Pattern of Marital Conflict. Journal of Personality and Social Psychology, 59, pp. 73-81.
  • Christensen A., Shenk J.L. (1991). Communication, Conflict, and Psychological Distance in Nondistressed, Clinic, and Divorcing Couples.  Journal of Consulting and Clinical Psychology, 59, pp. 458-463.
  • Dicks H.V. (1967). Marital Tensions. Clinical Studies toward a Psychological Theory of Interaction. Routledge and Kegan Paul, London. (Tr. it. Tensioni coniugali. Studi clinici per una teoria psicologica dell’interazione. Borla, Roma, 2005).
  • Ercolani A. P., Areni A. (1995). Statistica per la ricerca in psicologia. Il Mulino. Bologna.
  • Gallucci M., Leone L., Perugini M. (1999). Navigare in SPSS per Windows. Edizioni Kappa. Roma.
  • Gentili P., Contreras L., Cassaniti M., D’Artista E. (2002). La Dyadic Adjustment Scale. Una misura dell’adattamento di coppia. Minerva Psichiatria, 43, pp. 107-116.
  • Gottman J.M., Krokoff L.J. (1989). Marital Interaction and Satisfaction: A Longitudinal View. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 57, pp. 47-52.
  • Heavey C. L., Larson B. M., Zumtobel D. C. (1996). The Communication Patterns Questionnaire: The reliability and Validity of a Constructive Communication Subscale. Journal of Marriage and the Family, 58, pp. 796-800.
  • Heavey C.L., Layne C., Christensen A. (1993). Gender and Conflict Structure in Marital Interaction: A Replication and Extension. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 61, pp. 16-27.
  • Iesu L. (2007). La Dyadic Adjustment Scale, Das. In Mazzoni S., Tafà M. (a cura di), L’intersoggettività nella famiglia. Procedure multimetodo per l’osservazione e la valutazione delle relazioni familiari (pp. 190-204). Franco Angeli, Milano.
  • Norsa D., Zavattini G. C. (1997). Intimità e collusione. Raffaello Cortina, Milano.
  • Velotti P., Ronconi S. (2007). La qualità della relazione di coppia. In Santona A., Zavattini G. C. (a cura di), La relazione di coppia. Strumenti di valutazione (pp. 200-227). Borla, Roma.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>