Fobie Specifiche

Con il termine Fobia Specifica (o fobie semplici) viene definito un comportamento di evitamento condizionato dalla paura e in grado di interferire in maniera significativa con le normali attività dell’individuo. Tale condotta di evitamento è sovrastimata rispetto al pericolo effettivo e l’individuo ne riconosce l’irragionevolezza e l’eccessiva preoccupazione.

Le fobie specifiche sono sicuramente le forme più diffuse, ma non arrivano molto spesso all’osservazione dello psicologo, dato che le cose o le situazioni che portano ansia e disagio possono essere facilmente evitate senza grandi inconvenienti.

Ecco alcune delle fobie più diffuse:

  • Acrofobia: paura delle altezze
  • Agorafobia: paura dei luoghi pubblici 
  • Aracnofobia: paura dei ragni 
  • Aviofobia: intensa paura di volare
  • Cinofobia: paura dei cani
  • Claustrofobia: paura degli spazi chiusi
  • Dismorfofobia: preoccupazione per un difetto, vero o presunto, nel proprio corpo.
  • Emofobia: paura del sangue o delle ferite.
  • Eritrofobia: paura di arrossire in pubblico.
  • Gerontofobia: intensa paura di invecchiare.
  • Glossofobia: intensa paura di parlare in pubblico (vedere anche Fobia Sociale).
  • Ofidiofobia: intensa e incontrollata paura dei serpenti.
  • Omofobia: paura delle persone omosessuali, di diventare omosessuale o di essere considerato tale.
  • Patofobia: intensa ed incontrollata paura delle malattie, di ammalarsi.
  • Rupofobia: paura dello sporco e di ciò che non è igienico.
  • Sessuofobia: intensa ed incontrollata paura dei contatti sessuali e di tutto ciò che comportano.
  • Sociofobia: paura intenza dei contatti sociali (vedere anche Fobia Sociale).
  • Tanatofobia: paura ossessiva della morte.
  • Toxofobia: intensa paura di essere avvelenati.
  • Xenofobia: intensa ed incontrollata paura di ciò che è estraneo, inteso come persona o cultura. Si usa generalmente per indicare odio verso tutto ciò che è straniero.
  • Zoofobia: intenza paura degli animali in generale.

Molto più invalidanti per il soggetto che soffre sono l’agorafobia (fobia degli spazi aperti) e la fobia sociale (timore nell’esporsi e confrontarsi con gli altri). Questi due disturbi d’ansia arrivano molto più spesso all’osservazione dello psicologo, proprio perché possono compromettere la vita sociale, lavorativa e relazionale del soggetto.

Bibliografia:

  • Canestrari R., Godino A. (2007). La psicologia scientifica. Nuovo trattato di psicologia. Edizioni Clueb. Bologna.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>